Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Cronologia della Letteratura Rumena - UniFI
Menù principale

Aaron Vasile

Data e luogo di nascita
1770, Glogoveţ (Alba)
Data e luogo di morte

1822, Sibiu

Abstract

Traduttore, poeta, esponente della Scuola Transilvana. Compiuti studi teologici e classici presso il Seminario Teologico di Blaj, prosegue la sua formazione a Cluj, laureandosi in Diritto. Durante gli anni in cui esercita l’avvocatura presso il Concistoro Ortodosso di Sibiu, compila la prima opera rumena di carattere giuridico, Praxis al forumurilor bisericeşti [Codice dei tribunali ecclesiastici] (1805). L’esordio letterario avviene con la pubblicazione dell’epopea religiosa Patimile şi moartea a Domnului şi Mîntuitorului nostru Isus Hristos [Passioni e morte di nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo] (1805). La sua attività è legata alla traduzione e alla riscrittura di opere di autori latini, fra gli altri Virgilio e Ovidio. Con il poema epico incompiuto Reporta din vis [Riportare dal sogno] (1819) – in cui compare la descrizione delle rovine della cittadella di Sarmis – anticipa i temi della poesia preromantica

Bibliografia

Patimile şi moartea a Domnului şi Mîntuitorului Nostru Isus Hristos [Passione e morte di Nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo] (Braşov, 1805; ed. II, 1808); Verşuri veselitoare la ziua numelui exţelenţiei sale domnului Ioan Bob [Versi gioiosi per l’onomastico di sua eccellenza il signor Ioan Bob] (Sibiu, 1806); Perirea a doi iubiţi, adecǎ: jalnica întîmplare a lui Piram şi Tisbe, cǎrora s-au adǎugat mai pe urmǎ Nepotrivita iubire a lui Echo cu Narţis [Morte di due amanti, ovvero: la sventurata vicenda di Piramo e Tisbe, cui poi si è aggiunto l’Indegno amore di Eco e Narciso] (Sibiu, 1807); Verşuri veselitoare întru cinstea prealuminatului şi preasfinţitului domn Samuil Vulcan, Episcopului greco-catolicesc al Orǎdiei-Mare [Versi gioiosi in onore del chiarissimo e assai beato signor Samuil Vulcan, Vescovo greco-cattolico di Oradea-Mare] (Sibiu, 1807); Vorbire în verşuri de glume întrǎ Leonat beţivul, om din Longobarda, şi întrǎ Dorofata, muierea sa [Discorso in versi faceti fra Leonat l’ubriacone, uomo di Longobarda, e Dorofata, sua moglie], (Sibiu, 1815); Anul cel mǎnos. Bucuruia lumei [L’anno copioso. La gioia del mondo] (Sibiu, 1820); Istoria lui Şofronim şi a Haritei cei frumoase, fiicei lui Aristef, mai marelui din Milet [La storia di Şofronim e  di Harita la bella, figlia di Aristef, il più grande di Mileto] (Sibiu, 1821) 

PDF
Istoria lui Şofronim şi a Haritei cei frumoase [La storia di Şofronim e di Harita la bella]

 

 

 

 
ultimo aggiornamento: 04-Ott-2019
Unifi Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia (FORLILPSI) Home Page

Inizio pagina